giovedì 22 novembre 2012

NASA: arriva il raggio traente!!!




raggio traente NASA laser

L’anno scorso, la NASA stava esaminando tre possibili “raggi traenti” le tecnologie oggetto di valutazione dovevano essere impiegate su un robot o su veicoli spaziali in orbita. Al momento, il terzo di questi, che ha coinvolto l’uso di un fascio di Bessel, esisteva solo sulla carta. I ricercatori dell’Agenzia di Singapore per la Scienza, Tecnologia e Ricerca (A * STAR) hanno dimostrato come un raggio traente può essere realizzata nel mondo reale anche se su scala molto piccola.
Haifeng Wang della A * STAR Data Storage Institute e colleghi hanno studiato le proprietà dei fasci di Bessel, che, a differenza dei raggi laser normali, non vengono riflessi o propagati. Mentre la luce viene normalmente dispersa all’indietro quando un raggio laser colpisce una piccola particella nel suo percorso, spingendo la particella in avanti, il gruppo A * STAR ha mostrato teoricamente che la luce dispersa da un fascio di Bessel su una particella molto piccola non è sufficiente ad andare in avanti. Ciò significa che la particella viene tirata verso l’osservatore.
Il team dice che la quantità di forza motrice nel fascio dipende da vari fattori, tra cui le proprietà elettriche e magnetiche delle particelle. Wang dice che tale tecnologia può avere  applicazioni reali.
Anche se è impossibile realizzare un raggio traente per spostare persone ed oggetti in quanto servirebbe tanta energia che rischierebbe di danneggiare l’oggetto, si può utilizzare questa tecnologia su scale più piccole come la manipolazione cellulare in quanto la forza necessaria per queste non deve essere grande.

Video:
http://www.dailymotion.com/video/xm4cq3_la-nasa-come-star-trek-arriva-il-raggio-traente-finanziate-ricerche-per-laser-che-catturi-oggetti-ne_news

  
I rover spaziali del futuro potrebbero impiegare "aspiratori laser" per raccogliere i campioni (© foto Dr. Paul Stysley)
I rover spaziali del futuro potrebbero impiegare "aspiratori laser" per raccogliere i campioni (© foto Dr. Paul Stysley)

Il raggio traente, una delle più geniali e affascinanti invenzioni degli autori di Star Trek, potrebbe presto diventare realtà. Gli appassionati del celebre telefilm sanno di cosa si tratta: un raggio di luce in grado di attrarre oggetti, asteroidi, satelliti ma anche astronavi verso il vascello spaziale comandato dal Capitano Kirk.
Ebbene la NASA ha recentemente annunciato di aver finanziato tre diverse ricerche che hanno come obiettivo proprio la realizzazione di questo fantascientifico dispositivo.

Aspirapolvere laser
Le ambizioni dell'ente spaziale per ora sono comunque piuttosto contenute: gli scienziati americani si accontenterebbero di un raggio traente abbastanza forte da catturare la polvere cosmica lasciata dal passaggio delle comete e altri reperti spaziali di piccolissime dimensioni.
Il primo dei tre progetti ai quali si è interessata la NASA prevede l'impiego di un vortice ottico per imbrigliare le particelle. Due raggi laser surriscaldano l'atmosfera attorno alla particella da catturare: intensificando e indebolendo alternativamente l'intensità delle due sorgenti luminose è possibile far muovere il campione di materia e portarlo verso il satellite o il veicolo spaziale che effettua la raccolta.
Questa tecnologia ha però un evidente limite: non può funzionare nel vuoto.

Raggi respingenti e laser ad anello
Un secondo gruppo di ricercatori sta concentrando i propri sforzi sui campi elettromagnetici generati dai raggi laser: l'idea è quella di utilizzarli per “spingere” le particelle da catturare in una precisa direzione e imbrigliarle in una specie di trappola. Un sistema di questo tipo potrebbe funzionare anche nel vuoto e potrebbe essere impiegato per studiare la composizione di lune o altri corpi celesti privi di atmosfera.
La terza possibilità per ora esiste solo su carta: prevede l'impiego di fasci di Bessel, raggi laser che invece di essere puntiformi sono formati da cerchi concentrici simili alle onde generate da un sasso lanciato in uno stagno. Secondo i fisici questi particolari raggi potrebbero indurre un campo elettromagnetico capace di attrarre la particella bersaglio in direzione opposta a quella della loro propagazione.
L'interesse della NASA per questa tecnologia è duplice: i responsabili del progetto vorrebbero trovare un metodo per la raccolta dei campioni spaziali più efficiente di quelli meccanici attualmente in uso, ma soprattutto meno costoso.
E nel frattempo c'è già qualcuno che ipotizza applicazioni meno scientifiche ma molto più pratiche di queste rivoluzionarie idee: per esempio un super aspirapolvere laser per la rimozione delle particelle di polvere e di sporco dai tappeti di casa.




Per approfondimenti vedere:
* "UNA PROPOSTA PER IL RAGGIO TRAENTE!!!" ... luglio 2012.
UNA PROPOSTA PER IL RAGGIO TRAENTE!!!


SEGUICI ANCHE SULLA PAGINA fb: http://www.facebook.com/quantoequantaltro?ref=hl  

2 commenti:

  1. New Diet Taps into Revolutionary Plan to Help Dieters Get Rid Of 15 Pounds within Only 21 Days!

    RispondiElimina
  2. Are you looking for free Google+ Circles?
    Did you know you can get them ON AUTOPILOT & TOTALLY FOR FREE by getting an account on Like 4 Like?

    RispondiElimina