giovedì 14 marzo 2013

TV: il nuovo Potere che cambia la natura stessa della gente!!!




"Un Uomo Nuovo"

Chi ha manipolato e radicalmente (antropologicamente) mutato le grandi masse contadine ed operaie italiane è un nuovo potere che mi è difficile definire, ma di cui sono certo che è il più violento e totalitario che ci sia mai stato: esso cambia la natura della gente, entra nel più profondo delle coscienze. Dunque, sotto le scelte coscienti, c’è una scelta coatta, ‘ormai comune a tutti gli italiani’: la quale ultima non può che deformare le prime”.
Ancora:
La responsabilità della televisione in tutto questo è enorme. Non certo in quanto ‘mezzo tecnico’, ma in quanto strumento di Potere e Potere essa stessa. Essa non è soltanto un luogo attraverso cui passano i messaggi. E’ il luogo dove si fa concreta una mentalità che altrimenti non si saprebbe dove collocare. E’ attraverso lo spirito della televisione che si manifesta in concreto lo spirito del nuovo Potere”.
Dal 1973 al 1975, dalle colonne del Corriere della Sera, Pier Paolo Pasolini portò il suo attacco violento, lucido e viscerale alla “società dei consumi” e al “motore” della stessa, ossia il “sistema dell’informazione” in particolare televisivo, attraverso una serie di articoli raccolti poi nel volume “Scritti corsari” pubblicato postumo da Garzanti.
In questi decenni, quell’accorata, dolorosa denuncia di come stesse evolvendo il costume di un’intera collettività e di come sarebbe evoluto (“…la televisione diventerà ancora più potente e la violenza del suo bombardamento ideologico non avrà più limiti. La forma di vita - sotto culturale, qualunquista e volgare -, descritta e imposta dalla televisione, non avrà più alternative”), non ha prodotto né consapevolezza culturale, né positive e diverse strategie politiche, anzi! (e non avrebbe potuto essere più indicativa e rivelatrice l’asserzione del “Poeta di Casarsa” secondo il quale “il coraggio intellettuale della verità e la pratica politica sono due cose inconciliabili in Italia”). Dunque un “popolo degenerato, ridicolo, mostruoso e criminale”, manipolato e condizionato da una “classe dirigente” corrotta, senza etica, immorale e soprattutto da una TV ormai indecente (anche nelle sue moltiplicazioni programmatiche seguite al duopolio pubblico-privato).
Le constatazioni-previsioni di Pasolini hanno retto nel tempo, almeno nei loro aspetti formali più percepibili, ma c’è qualcosa in più, di diverso o perverso, inaspettato e - per certi aspetti - di tragico ed orrendo. Per cercare di spiegarlo, mi sono utili - come premessa - le conclusioni dell’intervento del Prof. Gian Paolo Gri (ordinario di antropologia culturale all’università di Udine) al convegno nazionale su “Pasolini e la televisione” alla fine del 2009, i cui atti nel 2011 sono confluiti poi nell’omonimo volume a cura diAngela Felice, direttrice del “Centro studi P.P.Pasolini” di Casarsa della Delizia: Nella riflessione di molti antropologi (Jack Goody, ad esempio, in dialettica con Levi-Strauss), la trasformazione prima e originaria dal selvaggio all’addomesticato avrebbe il suo fondamento nella prima rivoluzione che investì i processi di comunicazione delle società umane, con l’invenzione delle scritture. Proprio su questa linea è coerente l’enfasi di Pasolini (così come di altri intellettuali critici della televisione, del resto) sul peso che la rivoluzione comunicativa operata dallaTv avrebbe avuto nell’ambito della seconda e radicale rivoluzione culturale che ha retto il nuovo passaggio “entropico” (solo sviluppo, nessun progresso) dalla domesticazione al consumismo. Una rivoluzione che non investe più soltanto la parola (da orale a scritta, a nuovamente orale, ma di una “oralità secondaria”), ma la relazione parola/immagine: combinazione ben più potente ed efficace nei processi di trasmissione inconscia di modelli culturali, ora che viene sottratta all’uso rituale entro il quale fin li era stata confinata e che garantiva un limite alle voglie e alle capacità di manipolazione. L’immagine stava nel rito, appunto, inquadrata nella liturgia, nell’arte religiosa, nel libro, in museo, in teatro, nelle fotografie incorniciate e appese in casa con il lumino acceso sotto, nella cornice della sala cinematografica. Con la Tv portata in casa, inserita nel quotidiano, trasformata in prolungamento automatico del corpo, la cornice protettiva della ritualità salta e la forza mimetica dell’immagine (“Il potere delle immagini” di David Freedberg è del 1958), non ha più barriere difensive che ne contengano il potere: mano libera ai manipolatori, agli specialisti delle mezze verità, ai cacciatori di profitti”.
Fin qui siamo e restiamo nell’ambito - incisivo ma none sauriente - dell’antropologia ‘sociale’, degli effetti aberranti di una “manipolazione ideologica” che già Marcuse aveva ben delineato nel suo “L’uomo a una dimensione” e che segna con insistente e perversa quotidianità la nostra vita complessiva; lo ripropongo dall’articolo iniziale “Etica e libertà senza scandalo”: “…Così i meccanismi attraverso cui si determina il comune sentire (le opinioni) di milioni di cittadini (la massa, non i singoli), sono di fatto “condizionati” (e condizionanti) tanto da “imporre”, senza apparenti o non percepiti atti d’imperio, un percorso stravolto (inverso) di rapporti “democratici”, ossia un “flusso” continuo e ossessivo (di in-formazioni, di messaggi, di modelli, ecc.) solo dall’alto (la Struttura in-formativa, il Potere) verso il basso (la massa di cittadini-utenti-consumatori); con un’unica “concessione” di marca contraria, nella forma “libera, democratica”: le consultazioni elettorali (i cui risultati, nella sostanza, sono invece anch’essi frutto di tale enorme “abbraccio mediatico”, perciò travisati;…)”.
L’attenzione precipua comunque, richiamata dal Prof. Gri,  è sulle “immagini”, per me - nello specifico - intese come “visioni filmiche” (video) ed è su queste che occorre restare per capire davvero che cosa sia successo o stia succedendo, oltre l’apparenza formale, come detto prima, nonché politica e culturale.
Domandiamoci allora: se nella sua evoluzione ‘storica’ l’essere umano ha modificato e modificherà ancora il suo fisico - adattandolo all’ambiente e alla “qualità” della sua esistenza (con una capacità insuperabile nel regno animale) -, perché non dovrebbe nel contempo aver mutato o mutare anche il suo cervello e, in particolare, i meccanismi di “produzione” del pensiero? Tale complessa domanda se l’erano già posta alcuni decenni fa numerosi neuro scienziati che hanno formulato peraltro risposte ormai assodate: la mente è “plastica”, nel senso che il ‘cervello’ reagisce all’ambiente modificando le proprie “strutture” (le“mappe” neuroniche), influendo perciò sul comportamento degli individui e sulle loro facoltà cognitive che - proprio per questo - sono rese ‘uniche’, nell’apprendimento e nella memoria.
Sul n.27 dicembre 2011 della rivista “Comunicazione e Filosofia”, un esauriente saggio del giovane Dott. Gianpaolo Pegoretti analizza gli studi che negli ultimi anni hanno appunto cercato di “unificare” le scienze della natura con quella dello spirito, rivendicando il superamento del dualismo natura-cultura nello studio dei meccanismi cerebrali che a livello biologico possono interferire - adattandolo - sul sistema nervoso formato da neuroni e dalle informazioni che gli stessi si scambiano attraverso segnali elettrici e sostanze chimiche veicolate da connessioni chiamate sinapsi.
Ricorda Pegoretti. “La plasticità nel cervello adulto è resa possibile dall’alterazione della forza sinaptica e secondariamente dalla formazione di nuove connessioni. La forza sinaptica può essere alterata per periodi di tempo che vanno da pochi millesimi di secondo a mesi (Purves 2004), le sinapsi sono soggette a depressione, ossia indebolimento e a potenziamento, sia a lungo che a breve termine. Le alterazioni a breve termine durano pochi minuti o meno: la depressione sinaptica, che si ha quando ad un rilascio di molecole a livello pre-sinaptico corrisponde una diminuita reazione post-sinaptica, si verifica per fenomeni di abituazione, ossia quando uno stimolo viene ripetuto in rapida successione, diminuendo la quantità di molecole che i neuroni possono scambiarsi: sia gli ioni indispensabili per propagare l’impulso nervoso sia le vescicole contenenti neurotrasmettitori in grado di modulare l’attività cerebrale tendono ad esaurirsi. A livello cognitivo questo fenomeno determina la durata della Working Memory, detta anche memoria immediata, che tende a deteriorarsi nel giro di secondi: è per questo che c’è bisogno di ripetere un numero di telefono a mente alcune volte per non dimenticarlo subito. …Accanto a questa plasticità sinaptica a breve termine esiste quella a lungo termine. …L’attività combinata di questi due meccanismi sviluppa e riorganizza costantemente le mappe neurali, ossia strutture complesse formate da gruppi ordinati di sinapsi, la cui attivazione costituisce le basi neurali del comportamento, delle disposizioni personali e del pensiero. Tutta l’attività mentale è espressione di mappe neurali plasmate dalla loro stessa attività e costantemente soggette all’azione sia della plasticità a breve termine sia di quella a lungo termine; le stesse agiscono in numerose regioni cerebrali: nell’ippocampo, nella corteccia, nel cervelletto e nell’amigdale. La continua formazione e trasformazione di queste mappe è il correlato neurale della memoria. La plasticità nell’ippocampo è critica per la memoria dichiarativa, dalla plasticità corticale dipendono le memorie procedurali, la plasticità nelle amigdale è coinvolta nella memoria emotiva, o meglio nel colore emotivo associato ai ricordi, la plasticità nel cervelletto consente di acquisire coordinazione motoria. Ogni volta che le “mappe neurali” di una persona si modificano, la persona stessa cambia”.
          Chiedo venia per questo particolare excursus in un campo al di fuori delle mie competenze e conoscenze, ma non altrimenti mi sembrava potermi avvicinare con discreta chiarezza alle ‘conclusioni’ preannunciate che - se non richiedessero appunto un notevole bagaglio tecnico/scientifico - potrebbero fornire almeno il senso delle risposte ai quesiti posti dal Dott. Gianpaolo Pegoretti al termine del suo studio: “In questo scritto ho voluto ricostruire un percorso, interpretandolo secondo una logica dello svelamento. In altre parole ho scelto un atteggiamento di apertura verso quella che considero una nuova verità, un discorso che mostri qualcosa che prima non si vedeva, riguardo alla mente. Ora la domanda che pongo diventa: che cosa genera questa posizione? Quali ricerche, quali conoscenze possono derivare dall’idea della mente qui tratteggiata?”.
La “nuova verità” - ecco il punto - a mio parere sarebbe questa (è diventata o lo starebbe diventando).
La struttura dell’in-formazione, che fino a non molti anni fa non costituiva il “cuore/cervello” pulsante di tutto il corpus sociale (la massa) ma ne era soltanto una componente pur significativa (una infra-struttura appunto), ha fatto delle “immagini” (i filmati) coi suoi insiti linguaggi, il suo “strumento” più incisivo, diffuso e invasivo, soppiantando sempre di più, fra l’altro, il testo scritto (e foto-grafico), ridotto ad una banale essenzialità, favorita anche dal crescente utilizzo della rete informatica (esemplare il caso di You Tube) anche attraverso supporti elettronici come Smart phone, I-pad e Tablet. La “comunicazione visiva”, insomma, ha surclassato ogni altro strumento di fruizione culturale (in specie fra i giovani) allargando in modo enorme - soprattutto nel nostro Paese di scarse letture - la “distinzione cognitiva” di gruppo, che dovrebbe evidenziare la diversità di ricezione dello stesso rispetto ad altre comunità di persone; ruolo che la sociologia affida alla cosìdetta “mente sociale”.
Se in parte sono state anche le ‘immagini’, quindi e per tornare a Pasolini, ad aver “omologato”(uniformandone i pensieri, il comune sentire, il carattere) la massa dei cittadini-utenti fruitori,oggi in modo pressoché esclusivo le stesse ‘immagini-video’,con la loro ridondanza ossessiva quotidiana (sempre televisiva nelle abitazionie nei locali pubblici, nonché ad amplificazione e indirizzo crescente sul Web) si può sostenere o supporre che stiano portando ad “incidere” in modo imprevedibile e profondo sulle “mappe neurali” del cervello, modificando - attraverso influenze più o meno pesanti  sull’attività delle sinapsi (perciò sui neuroni) - il DNA delle future generazioni?
Se le idee sono ‘immagini’ del nostro cervello, quale tipo di cognizioni (e indotte) potranno scaturire dalla valanga di filmati che sempre di più stanno accompagnando e impregnando il contesto civile?
E’ in gioco così, anche in termini di “accelerazione” violenta, il meccanismo bio/chimico descritto con il “Darwinismo neurale evoluzionista” da Gerald Edelman (citato sempre da Pegoretti) e attraverso cui viene data origine a tutte le forme di memoria, alle capacità acquisite, a tutto quanto si definisce cultura?
Quanto più accentuato e facilitato sarà il “potere” di controllo, condizionamento e manipolazione ideale/comportamentale, accompagnato fra l’altro dall’illusoria certezza di essere e sentirsi più “liberi e informati”?
Io non possiedo le prove scientifiche che tale “processo mutante” di contaminazione visiva sia in corso davvero a livello generalizzato o invece se, come e quando potrà influire in modo sensibile sui cervelli e sulle menti degli individui futuri. Affido perciò agli studiosi le eventuali risposte tecniche, ma la mia opinione intellettuale, priva di dubbio,è approdata a quel “qualcosa in più, didiverso e perverso, inaspettato e per certi aspetti, di tragico e orrendo” che evidenziavo all’inizio.
La “mutazione antropologica” verificata e denunciata da Pier Paolo Pasolini quasi quarant’anni fa, non soltanto ha ‘percorso’ con crescente e degradante intensità il “cammino” preordinato dallo sviluppo tecnologico del capitalismo (in tutte le sue mutevoli espressioni, anche nominali), ma è giunta ad un punto di “approdo”, ad una conclusione; più impercettibile e nascosta delle trasformazioni fisico-culturali originarie, non per questo però meno devastante, anche per il suo senso di irreparabile “assolutezza”.
Dal “regno” nefasto delle Televisioni, io ne sono convinto con angosciante e razionale percezione, è nato (o sta nascendo) “un Uomo Nuovo”.

Giorgio Quaglia


Articoli correlati:

* "Le 10 regole del controllo sociale: manipolazione mediatica - Noam Chomsky" ... marzo 2013.
* "Il subliminale nella nostra vita!!!" marzo 2013. 
Il subliminale nella nostra vita!!!
* "Un NEMICO in casa: la televisione!!!" ... febbraio 2013. 
Un NEMICO in casa: la televisione!!!
* "La mente di gruppo: come gestire ed incanalare la sua energia!! FISICA-PSICOLOGIA-ESOTERISMO!!!! -Dion Fortune -" ... gennaio 2013. 
La mente di gruppo: come gestire ed incanalare la ... * "La magia. Cos’è, perché funziona, e per quale motivo i politici la usano in segreto. Paolo Franceschetti." ... febbraio 2013.
La magia. Cos’è, perché funziona, e per quale moti...
* "Progetto MK-ULTRA e Progetto Monarch: il segreto per controllare le menti.." ... novembre 2012.

Progetto MK-ULTRA e Progetto Monarch: il segreto p...   
* "Tecnologie per CONTROLLARE i pensieri!!!!" ... dicembre 2012.
* "PROGETTO GLOBALE MEREGIO DELL”IBM ESPERIMENTO DI CONTROLLO MENTALE SU LARGA SCALA IN SVEZIA" ... febbraio 2013.




SEGUICI ANCHE SULLA PAGINA fb: http://www.facebook.com/quantoequantaltro?ref=hl  

2 commenti:

  1. Are you looking for free Instagram Likes?
    Did you know you can get these ON AUTO-PILOT & ABSOLUTELY FOR FREE by using You Like Hits?

    RispondiElimina
  2. QUANTUM BINARY SIGNALS

    Get professional trading signals delivered to your mobile phone every day.

    Follow our signals NOW & gain up to 270% per day.

    RispondiElimina